BANDITO Augusto Marini partigiano

Mauro Caselli - postfazione di Luciano Marini

Vincitore della XV edizione del premio "Giacomo Matteotti"

Augusto Marini (1925). Soldato italiano di stanza a Venezia, l’8 settembre va sulle montagne, incontra i badogliani, intenti ad aiutare i prigionieri inglesi e a trascurare quelli russi; Augusto accompagna i russi verso il confine orientale italiano; incontra i primi partigiani “bianchi”; non convinto della loro posizione, prende i russi e li porta alla Garibaldi “Friuli”; riesce intanto a consegnare i russi ai partigiani sloveni. Decide, poi, di aggregarsi alle formazioni slovene della Benecija. Nel febbraio ‘44 viene fatto prigioniero dai fascisti, bastonato ripetutamente, non parla. Fugge; cerca di costituire una cellula partigiana ma dopo una delazione viene ripreso dalle Brigate Nere. Con l’avvicinarsi delle truppe anglo-americane il carcere viene aperto. Libro tratto dal diario di Augusto trascritto dal figlio Luciano.

Anno: 2018

Pagine: 336

Formato: 14x22 cm

Carta: avoriata per edizioni 90 gr

Rilegatura: brossura filo refe con alette

Copertina: flessibile

 20,00

ISBN: 978-88-87208-87-0 Categorie: ,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Ascolta

Il racconto orale,

precede la scrittura.

Spiacenti in questo momento non è presente nessun audio

Scarica

Fingi di essere in libreria,

leggi le prime pagine.

Disponibile

Acquista

Ordina il tuo libro

o compra la versione on line.

Disponibile

Mauro Caselli - postfazione di Luciano Marini

La biografia non è momentaneamente disponibile.

Extra

Forum

Esprimi le tue prime valutazioni sul libro.

Se non sei già iscritto puoi farlo adesso.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “BANDITO Augusto Marini partigiano”